bitcoin cosa sono come minarli come guadagnare

BITCOIN: COSA SONO, QUANTO VALGONO E COME GUADAGNARE – LA GUIDA

Il Bitcoin è un tipo di moneta digitale, creata e diffusa in modo elettronico. Nessuno la controlla e nessuno può decidere se e quando emetterne una quantità maggiore in circolazione.

Guida all’acquisto Bitcoin in pillole

1) Iscriviti a Coinbase cliccando qui
2) Acquista almeno 100 dollari (clicca qui per la guida su Coinbase)
3) Attendi qualche minuto e avrai i bitcoin sul tuo wallet Coinbase

I Bitcoin non sono stampati come gli euro e i dollari, ma esattamente come le valute “normali”, sono creati ed utilizzati dalle persone per fare business, pagare beni e servizi, ed essere utilizzati come strumento di investimento.

Se sei interessato a scoprire cosa sono i Bitcoin, qual è la loro quotazione e come è possibile guadagnare con questa moneta, sei nel posto giusto!

Al termine di questa guida dedicata al Bitcoin, sarai in grado di:

  1. conoscere e muoverti nel complesso mondo dei Bitcoin e delle criptovalute
  2. imparare a minare Bitcoin oppure acquistarli sul web
  3. conoscere quali sono le tecniche per iniziare subito a guadagnare con i Bitcoin

Come fare trading online sul bitcoin

Qui di seguito le 3 piattaforme più sicure e affidabili per fare trading con il bitcoin:

eToro, n°1 nel social trading

Guida a eToro | Iscrizione a eToro

Avatrade, il miglior bonus per tradare i bitcoin

Guida ad Avatrade | Iscrizione Avatrade + Bonus

Plus500, trading online sul BTC

Guida a Plus500 | Iscrizione a Plus500

Cosa sono i Bitcoin

Partiamo dal fatto che i Bitcoin, esattamente come gli euro e i dollari, sono una forma di pagamento di beni e servizi.

Tuttavia, la grande differenza con le valute fisiche che maneggiamo tutti giorni sta nel fatto che i Bitcoin sono decentralizzati.

Cosa significa decentralizzati?

Che non esiste una Banca Centrale che li emette. Se la BCE e la Federal Reserve emettono rispettivamente euro e dollari, per i Bitcoin non esiste un ente istituzionale che si occupa di questo compito.

E il fatto che non esista un ente di questo tipo fa tutta la differenza del mondo.

No inflazione, no deflazione, no crisi monetarie internazionali.

Se non c’è un ente che decide quanta moneta far circolare all’interno del sistema economico, non c’è, allo stesso modo, neppure la possibilità di utilizzare degli strumenti di politica economica, che abbiano il potere di far svalutare o rivalutare artificialemente una valuta.

Chi crea i Bitcoin?

Un sistema basato su algoritmi matematici, che sfrutta la tecnologia Peer-to-Peer, inventato nel 2009 da un programmatore giapponese, tale Satoshi Nakamoto.

Per fartela semplice, è lo stesso meccanismo che utilizzavi con eMule, quando qualche anno fa andava tutti scaricavano film e canzoni.

Ecco, oggi eMule è stato sostituito da servizi come Spotify e Netflix, ma la tecnologia Peer-to-Peer rimane ancora valida per connettere più computer in una Rete, che si scambia informazioni tramite la condivisione dei file.

Ciò che è veramente importante che tu capisca è che sono gli utenti stessi, che popolano la Rete, che creano i Bitcoin ed è qui che sta la genialità dell’idea.

In questo modo, Satoshi ha sottratto l’arbitrio della creazione di moneta agli enti istituzionali e ha totalmente slegato il processo di creazione di moneta al potere di lobby politiche e finanziarie.

Quanti sono i Bitcoin in circolazione?

Questa è una domanda di fondamentale importanza, che determina anche il motivo per il quale il Bitcoin sta riscuotendo un successo così grande, tra le criptovalute, e il suo valore sta aumentando in maniera impressionante.

I Bitcoin in circolazione sono più di 16 milioni e il limite massimo è pari a 21 milioni.

A prescindere dai numeri, ciò su cui è veramente importante porre l’attenzione è che i Bitcoin hanno un numero finito.

Questo ci porta a trarre un’osservazione significativa.

I Bitcoin possono essere paragonati all’oro, che è presente in quantità finite sul pianeta, e questo ne determina l’impossibilità di subire fenomeni, come l’inflazione o una svalutazione dovuta all’aumento della quantità in circolazione.

7 Caratteristiche dei Bitcoin

Quali sono, quindi, le caratteristiche principali di questa criptovaluta?

Ecco qua le 7 caratteristiche, che devi assolutamente conoscere:

1. Il Bitcoin è decentralizzato

La rete dei Bitcoin non è controllata da un’autorità centrale. Ognuno può minare un Bitcoin e costituisce una piccola parte della Rete di tutte le macchine che lavora insieme.

2. Facile da avere nel proprio wallet

Una banca convenzionale vuole determinate garanzie per farti aprire un conto corrente. Il motivo è che la banca ha come obiettivo il profitto e quindi seleziona coloro che desidera avere come clienti. Con il Bitcoin tutto ciò non esiste. Puoi facilmente averli nel tuo wallet e nessuno ha il potere di decidere su di esso.

3. Anonimato

Gli utenti possono avere più indirizzi dove inviare e ricevere Bitcoin e nessuno di loro è connesso a dati personali come nomi ed indirizzi.

Questo significa solo una cosa: possibilità di agire nel totale anonimato.

4. Trasparenza totale

La rete Bitcoin memorizza i dettagli di ogni singola transazione operata in un enorme registro chiamato Blockchain. Se disponi di un indirizzo Bitcoin utilizzato pubblicamente, possono essere verificati i Bitcoin su quell’indirizzo, ma non è possibile sapere se sono tuoi.

Ci sono, ovviamente, dei metodi, per evitare che venga opacizzata la destinazione dei Bitcoin, come ad esempio non utilizzarli tutti nello stesso indirizzo, ma variarlo costantemente.

5. Tasse di transazioni quasi assenti

Quanto costa un bonifico bancario? Anche 10 dollari per un trasferimento di denaro internazionale. Con Bitcoin tutto ciò, semplicemente, non è possibile!

6. Velocità

Il trasferimento di Bitcoin è pressochè immediato, viene effettuato in pochi minuti.

Con una banca normale…..se va bene un paio di giorni!

7. Transazioni irreversibili

Quando invii dei Bitcoin non è più possibile annullare la transazione. Ovviamente il destinatario può decidere di restituirteli, a seguito di un accordo tra voi, ma non puoi evitare che la transazione venga portata a termine, una volta effettuata.

Quante vale un Bitcoin?

Partiamo analizzando questo grafico.

Non ti spaventare, se non sei un esperto di finanza, non è assolutamente un problema!

Quello che sto per dirti è molto intuitivo da capire e non sono intenzionato ad operare digressioni profonde su questo tema. Il grafico ci serve solo per capire meglio quali opportunità il Bitcoin può darti.

quanto vale bitcoin quotazione

Quello che vedi è il grafico dell’andamento di mercato del Bitcoin negli ultimi 7 anni, praticamente dal momento della sua nascita in poi.

In pratica, fino al 2013, un Bitcoin valeva molto poco: tra 0 e 20 dollari.

Nei successivi 4 anni, fino a Gennaio 2017, il Bitcoin ha avuto un valore che si è spinto fino ad 800 dollari. Come vedi la curva ha avuto un’impennata di impatto enorme, a partire dall’inverno appena terminato.

Ora un Bitcoin ha una quotazione intorno ai 2700 dollari, pari a circa 2500 euro!

In 6 mesi, di fatto, il valore è più che triplicato e questo ha rappresentato, per coloro che hanno investito in Bitcoin prima del 2017, un rendimento di oltre il 300%

Il Bitcoin, senza alcun dubbio, ha rappresentato un investimento assolutamente strepitoso, in questa prima metà del 2017.

Ed ora?

Difficile ipotizzare se il Bitcoin continuerà a crescere a tassi così elevati nei prossimi mesi o anni ed altrettanto difficile sarà capire in quanto tempo riuscirà effettivamente ad entrare in circolazione anche nel circuito extra-informatico.

Immagina però che un giorno probabilmente dirai addio alle vecchie banconote e ai normali metodi di pagamento, connessi a Bancomat e carte di credito, e utilizzerai semplicemente il tuo smartphone per regolare transazioni in Bitcoin.

Non è qualcosa che accadrà nel giro di qualche mese o anno, ma è uno scenario assolutamente realistico ed impensabile da prevedere fino a qualche anno fa.

Come minare Bitcoin

Se il Bitcoin assomiglia all’oro, a livello concettuale, coloro che cercano di creare Bitcoin vengono chiamati minatori ed il processo di creazione prende il nome di mining.

Sfruttando la Rete, le persone che mettono a disposizione la potenza di calcolo delle loro macchine si scambiano una serie di informazioni, che vengono registrate in un elenco, fino a formare un blocco.

Tutti i blocchi che vengono formati vengono inseriti in un lungo elenco di blocchi, chiamato “Blockchain”. Quindi ogni volta che un nuovo blocco viene completato viene aggiunto alla Blockchain, che tiene conto di tutte le transazioni che vengono scambiate all’interno della Rete.

Se qualche anno fa minare Bitcoin era un processo che richiedeva pochi sforzi e un tempo limitato a poche ore o giorni, oggi non è più così.

Ci sono migliaia di persone che stanno minando i loro Bitcoin e più ne vengono messi in circolazione, più tempo ed energia richiede minare un’unità.

Oggi mettersi a minare Bitcoin in casa non è più un’attività particolarmente redditizia, in quanto dovresti restare attaccato 24 ore al giorno con una connessione molto potente, e con un evidente dispendio di energia elettrica.

Minare Bitcoin con il proprio PC potrebbe diventare addirittura controproducente. Tuttavia puoi scaricare qui il software con il quale iniziare a minare Bitcoin e verificare i risultati che riesci a raggiungere.

Alternative?

Ce ne sono e sono legate al concetto del cloud.

Proprio per evitare che le persone dovessero utilizzare i propri strumenti “casalinghi”, sono nate delle aziende che mettono a disposizione la potenza dei loro computer, e dei loro server, e che offrono un servizio, in cloud, tramite il quale puoi comodamente minare Bitcoin, senza occupartene direttamente.

Di portali di questo tipo ce ne sono ormai decine, in giro per il web. Tra i più sicuri ed i più utilizzati, per costo ed efficacia, ci sono Eobot, Crypto Mining Farm – che ti permette di partire con un capitale molto basso – e FirstCoin Italy, progetto disponibile anche in lingua italiana.

Come acquistare i Bitcoin e guadagnare

Se non hai voglia di attendere le tempistiche necessarie per il mining, sappi che puoi sempre acquistare Bitcoin.

Il Bitcoin è un ottimo strumento di investimento di breve termine e puoi sfruttare la sua volatilità per ottenere dei rendimenti molto elevati ed iniziare a guadagnare.

Alternativamente puoi acquistare Bitcoin per iniziare a pagare online, anche se non si tratta ancora di una forma di pagamento largamente accettata e diffusa.

In ogni caso esistono diversi siti sui quali poter acquistare e vendere Bitcoin e con i quali iniziare a guadagnare. Scopriamoli insieme.

Prima di iniziare, devi sapere che utilizzerò il termine wallet o portafoglio, per indicare un conto online nel quale depositare Bitcoin. Il termine portafoglio non ha lo stesso significato che normalmente assume in finanza, ma indica piuttosto un conto online.

Siti per acquistare e vendere Bitcoin

COINBASE

Coinbase ti permette di creare il tuo wallet e di connettere il tuo conto corrente, o la tua carta di credito, per iniziare subito ad acquistare Bitcoin, scambiandoli con i tuoi euro o i tuoi dollari.

E’ il sistema più diffuso, per la compravendita di Bitcoin, sia in Europa che negli Stati Uniti.

Alla registrazione, inoltre, riceverai un bonus di 5 dollari.

BITBOAT

Simone De Gaspari è il CEO di Bitboat, il portale per l’acquisto di Bitcoin più diffuso in Italia.

La comodità di Bitboat sta nel fatto che accetta metodi di pagamento tipicamente italiani, come la Postepay, oppure anche Paypal, che ti permette di gestire il tutto con il massimo della comodità.

POSTEBIT

Altro servizio italiano per acquistare Bitcoin, Postebit è estremamente pratico e veloce perchè ti permette di acquistare questa criptovaluta, senza neppure dover registrarti al sito. Puoi utilizzare semplicemente una Postepay, che dopo la ricarica, viene utilizzata per il pagamento.

Successivamente ti basterà comunicare a Postebit il tuo indirizzo, sul quale verranno accreditati i tuoi Bitcoin.

Puoi utilizzare questo sito per monitorare il prezzo dei Bitcoin e per verificarne la quotazione e il suo andamento nel tempo. In modo tale da cogliere delle opportunità interessanti, ed operare operazioni di trading fruttuose e redditizie.

Dove usare i Bitcoin

Quali sono le aziende che accettano i Bitcoin?

Essendo una moneta di cui si sa ancora poco, è naturale che saranno anche poche le aziende che hanno già deciso di accettare questo metodo di pagamento per i propri beni e servizi.

Di conseguenza ti risparmierò la fatica di chiedere al tabaccaio di fronte a casa, o al panettiere, se è disponibile a farsi pagare in Bitcoin.

Ti consiglio di utilizzare questi 2 servizi, molto comodi, ed in continua evoluzione, che ti aiuteranno a scoprire quali sono le aziende che accettano Bitcoin, nella zona dove vivi.

QUIBITCOIN

Quibitcoin è sia un portale che un applicazione. Come vedi dall’interfaccia, molto intuitiva puoi scegliere comodamente di scoprire i negozi vicino a te, oppure selezionare la città.

comprare minare bitcoin

Hai molte categorie tra le quali scegliere e addirittura puoi verificare dove sono presenti gli ATM per i Bitcoin. L’app attualmente è disponibile solo per Android e le aziende, o i negozi, presenti sono più di 300, per la maggior parte concentrati nell’hinterland milanese e per il resto distribuiti, più o meno equamente, nel resto del Paese.

Sarà interessante verificare questi dati tra 2 o 3 anni. Quasi certamente i numeri si saranno moltiplicati in modo esponenziale.

COINMAP

Coinmap è un’idea che prende spunto, in modo abbastanza evidente, da Google Maps.

Potremmo definirlo un Google Maps calibrato esclusivamente sui Bitcoin, che ti consente di visualizzare, nel dettaglio, quali sono le aziende o i negozi che accettano la criptovaluta ideata da Satoshi.

Coinmap, inoltre, non si limita solamente all’Italia, ma è un progetto che è diffuso a livello internazionale e, di conseguenza, puoi utilizzarlo anche quando sei all’estero.

Se sei interessato, oltre al Bitcoin, a sapere quali sono e come funzionano le altre criptovalute, ti consiglio di leggere questo articolo.