Cos’è e come richiedere la Carta di credito revolving senza busta paga?

Dopo aver esaminato cosa siano le carte revolving, apporofondiremo ora come si possano richiedere facilmente anche senza essere in possesso di una busta paga.

carta di credito revolving senza busta paga

Cos’è una carta di credito revolving senza busta paga

Una carta di credito revolving senza busta paga è una tipologia di carta di credito da usare come una classica carta prepagata sia on line sia nei negozi fisici. Come abbiamo già spiegato, si tratta di una carta di credito a tutti gli effetti che, una volta attivata può essere usata per le proprie spese, dove però il credito disponibile della carta si ricostituisce di volta in volta che il titolare effettua i rimborsi, che gli permetteranno di fare spese ulteriori.

Su questa carta ci si può caricare alcune migliaia di euro, che si potranno usare in caso di necessità. Il titolare restiuirà poi la somma o in una sola soluzione oppure in rate mensili. Occorre però ricordare che in caso di rateizzazione, l’istituto che ha erogato la carta applicherà degli interessi di tipo variabile. Funziona perciò in modo simile ad un finanziamento bancario e la carta si può ricaricare fino alla data di scadenza e riutilizzare in caso di necessità.

La carta revolving senza busta paga può essere perciò un salvagente per sostenere spese impreviste o al contrario per fare acquisti pianificati, usando un credito preso in prestito dal proprio istituto bancario oppure da enti che la erogano on line.

Come funziona la carta di credito revolving senza busta paga?

La carta di credito revolving senza busta paga funziona come una normale carta prepagata, ma la somma di denaro che si è deciso di caricare è in prestito dalla banca; ciò comporta che va rimborsata a rate o in una sola soluzione.

La somma concordata quindi si prericarica alla richiesta di attivazione, ma rispetto alla comune prepagata, con la revolving, così come la carta di credito, si usa denaro chiesto in prestito alla banca. Questo equipara la richiesta della carta di credito revolving alla richiesta di un vero e proprio prestito bancario: è importante tenerlo bene a mente, dato che se non si rispettano le rate ed i pagamenti si corre il rischio di essere segnalati.

Rispetto al classico finanziamento, ha però un indubbio vantaggio: si può usare per tutti gli acquisti o spese impreviste, senza destinare il denaro ad un’unica spesa.

Quali sono le migliori carte di credito revolving senza busta paga

Ogni istituto bancario sia fisico sia on line propone le sue, e le condizioni possono cambiare molto da ente ad ente, perciò bisogna fare molta attenzione al momento della sottoscrizione. Per questo, in base al plafond, al possibile anticipo in contanti e alle rate proposte, vi indichiamo quali sono alcune fra le migliori e più vantaggiose carte di credito revolving senza busta paga al principio del 2022 e perché:

  • la Cartattiva Agos, che ha un plafond iniziale di 1600 euro, è a canone zero e in più permette di poter ricevere un anticipo in contanti;
  • la Carta Easy Compass, che ha un fido iniziale di 1500 euro e può essere richiesto nelle filiali Compass;
  • la Carta Flexia UniCredit, che permette di rimborsare le spese fatte con rate minime mensili di 50 euro. Carta Flexia UniCredit è però riservata solo a chi ha aperto presso UniCredit un conto corrente;
  • la Carta Aura Findomestic, che permette di ottenere un anticipo in contanti che si accredita direttamente sul conto corrente. La comodità di Carta Aura Findomestic è che può essere richiesta online.

Quindi si può attivare una carta revolving senza conto corrente?

Dipende. Se si apre presso un istituto di credito o bancario il conto corrente presso quello stesso istituto è necessario; se invece si sceglie di attivare una carta di credito revolving rilasciate da una finanziaria, come, Agos o Findomestic per esempio, si può ottenere senza aprire un conto corrente con la società, ma basta semplicemente un conto corrente postale o bancario. La Compass invece è attualmente l’unica finanziaria che non richiede il conto corrente bancario o postale, poiché permette il rimborso del finanziamento tramite bollettini di conto corrente postale.

E’ possibile ricevere una carta di credito revolving senza reddito dimostrabile?

Si, ma solo a certe condizioni, come indicato nella sezione apposita del sito della Banca Maremmana: bisogna offrire sempre e comunque delle garanzie, come avere delle rendite e/o delle entrate salutarie o ancora essere lavoratori autonomi. Se non si ha alcuna fonte di reddito, come nel caso di studenti a carico dei genitori o disoccupati, è improbabile riuscire ad ottenere la carta.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.